You can find the Italian version of this article below.

With Alejandro Amenábar, Chilean director from Santiago, born in 1972, and naturalized Spanish (his family took refuge in Europe after Pinochet’s coup d’etat in 1973), we are in the presence of a more than great author; early as his twenties he exhibits ideas and skills, and he is one among those who trained with short films: in his case, they are a total of three before he debuted in full-length films.

Amenábar

From this debut triad I wasn’t able to watch his first film, La cabeza (1991), as I couldn’t find it; and from his second work, Himenóptero, also from 1991, I retrieved just a fragment, in Spanish, on YouTube: despite this, I could already recognize his attention to the actors, the rhythm and the attitude – at the same time natural and expertly constructed – to produce dramatic tension. Lastly Luna, from 1994, is a more mature short film (which also I saw in Spanish on YouTube) with Eduardo Noriega (who will be back in Tesis and Abre los ojosOpen your eyes); it well develops the features from the previous work but with a different story, a story which is suspended, altough anything but unsolved, between thriller and meager masked ‘lycanthropy’. All these three short films were realized in collaboration with Guillermo Fernández Groizard.

After these, come the great full-length films, starting from Tesis (1996) which we can say is a debut with a bang: tense, effective, with twists and turns. It is not perfect but, considering he was 23 at that time, it is really awesome sauce! And not by chance it won seven Goya awards.

Tesis (1996)

Watching Open your eyes (Abre los ojos, 1997) again was a remarkable confirmation of Tesis‘ quality and of the beauty of his second work: Abre los ojos is simply visionary and hypnotic. Psychological science fiction from which the authors of San Junipero, the best episode of the tv series Black Mirror, may have taken something.

All his talents are reaffirmed by The Others (2001) which is still beautiful, dense and clear even after twenty years, a lucid horror with no blood but loads of pathos and a good amount of humanity.

From 2004 is the intense The Sea Inside (Mar adentro) a true story of Euthanasia, which won the Oscar and the Golden Globe as Best Foreign Language Film, and also the Grand Special Jury Prize at Venice Film Festival. And other awards, too. All of them are well-deserved (as deserved are each of the accolades that Amenábar collected during his career): it is deep and, at the same time, individual and coral.

The others (2001)

Another rich and full work is Agora (2009), dedicated to Ipazia: with a dose of novel that, although altering partially the facts known to us from the scientist’s biography, gives us back a sumptuous film, able to admirably merge science, religion, history, image and, in fact, novel.

A little step back is taken with Regression (2015), a good thriller/horror (more thriller than horror, but from Amenábar I expect more!), which is preceded by a short film and a clip, also from 2015: the good Vale, almost a small essay on the importance of linguistic communication in human relationships, and the video Nancys Rubias: me incanta, both available on YouTube. It is a love for short narration that evidently has not abandoned our director even in his more mature years.

In 2017 Amenábar signs another short film, a science fiction tale about Christmas lottery, Danielle, a clear sign that his love for shorter format never faded.

Danielle (2017)

Personally, I didn’t have the chance yet to watch his last full-length film, Mientras dure la guerra (While at War, 2019), presented on November 25th 2019 at Torino Film Festival, but not out for the Italian market yet. So we are waiting the latest developements of Amenábar’s filmography. His filmography is, by the way, getting rich off a tv series, La fortuna, currently in realization.

— ITALIAN (ORIGINAL LANGUAGE) —

Con Alejandro Amenábar, regista cileno di Santiago, classe 1972, naturalizzato spagnolo (la famiglia si rifugia in Europa dopo il colpo di stato di Pinochet del 1973), siamo al cospetto di un più che ottimo autore che già a vent’anni e poco più sa dimostrare idee e capacità, uno di quelli che si è formato con i cortometraggi, in tutto tre prima dell’esordio nel lungometraggio.

Amenábar

Di questa triade di esordio non ho potuto vedere il primo film, La cabeza (1991), che non ho trovato, mentre, del secondo, Himenóptero, sempre del 1991, ho reperito solo un frammento, in spagnolo, su Youtube, ma già vi ho riconosciuto la sua cura degli attori, il ritmo e l’attitudine – insieme naturale e sapientemente costruita – a produrre tensione drammatica. Infine, Luna, del 1994, cortometraggio più maturo (pure visto in spagnolo su Youtube), con Eduardo Noriega (il quale tornerà in Tesis e Apri gli occhi), sviluppa bene le caratteristiche del precedente, benché con una storia diversa, sospesa, ma tutt’altro che irrisolta, tra thriller e scarna ‘licantropia’ mascherata. Tutti e tre i cortometraggi sono realizzati in collaborazione con Guillermo Fernández Groizard.

Dopo di che, arrivano i grandi lungometraggi, a partire da Tesis (1996), un debutto con il botto: teso, efficace, colpi di scena. Non è perfetto, ma, dati anche i 23 anni del regista all’epoca, tanta roba davvero! Non a caso vince ben sette premi Goya.

Agora (2009)

Rivedere Apri gli occhi (Abre los ojos, 1997) è stata poi una notevole conferma delle qualità di Tesis e della bellezza di questa sua seconda prova: Apri gli occhi è semplicemente visionario e ipnotico. Fantascienza psicologica dalla quale forse hanno attinto anche gli autori di San Junipero, il più bell’episodio della serie televisiva Black Mirror.

Tutte doti ribadite da The Others (2001), sempre bello, denso e limpido pur dopo vent’anni, un lucido horror senza sangue, ma con tanto pathos e una ricca dose di umanità.

Del 2004 è l’intenso Mare dentro (Mar adentro), storia vera di eutanasia, che vince l’Oscar e il Golden Globe per il miglior film straniero e il Gran premio della Giuria al Festival di Venezia. E altri premi. Tutti meritati (come ognuno dei numerosi riconoscimenti raccolti da Amenábar nella sua carriera): è profondo e, insieme, individuale e corale.

Mare dentro (2004)

Altra opera ricca e piena è Agora (2009), dedicato a Ipazia, che, con una dose di romanzo che, pur alterando in parte i fatti a noi noti della biografia della scienziata, ci restituisce un film sontuoso, che fonde egregiamente scienza, religione, storia, immagine e, appunto, romanzo.

Piccolo passo indietro con Regression (2015), buon thriller/horror (più thriller che horror, ma da Amenábar mi aspetto di più!), che è preceduto, però, da un cortometraggio e da una clip, pure del 2015: l’ottimo Vale, quasi un minisaggio sull’importanza della comunicazione linguistica nei rapporti umani, e il video Nancys Rubias: me incanta, entrambi reperibili su Youtube. Un amore per la narrazione breve che evidentemente non abbandona il nostro regista nemmeno negli anni che si possono ormai definire della maturità.

Nel 2017, Amenábar firma un altro cortometraggio, una favola fantascientifica sulla lotteria di Natale, Danielle, segno evidente del suo amore mai sopito per il formato più piccolo.

Apri gli occhi (1997)

Personalmente, non abbiamo ancora potuto vedere l’ultimo lungometraggio, Mientras dure la guerra (While at War, 2019), presentato il 25 novembre del 2019 al Torino Film Festival, ma non ancora uscito sul mercato italiano. Siamo così in attesa degli ultimi sviluppi della filmografia di Amenábar, che, tra l’altro, si sta arricchendo anche di una serie televisiva, La fortuna, attualmente in fase di realizzazione.