You can find the Italian version of this article+interview below.

After having watched the sci-fi horror Vivarium, presented as world preview at Cannes Film Festival in 2019, portrayed by Imogen Poots and Jesse Eisenberg, and therefore having discovered the Irish director Lorcan Finnegan, having realized that the beauty of that film was founded also on a series of short films – and short films are almost always the foundation of great filmographies! – I couldn’t resist and had to contact Finnegan to ask him some questions. So here are his very interesting answers, starting directly from the narration of his beginnings in the short format.

Finnegan in Cannes

“My very first ‘short film’ was really a fake trailer for a movie that didn’t exist called Boywalker” explains the director “I made it with my dad’s handycam and a couple of dolls that I modified with plasticine and teeth. My brother Conor (who is an animation director) starred in it alongside the elves. It was inspired by The Shoemaker and the Elves, but these elves made special shoes to help a wheelchair-bound boy walk again. I showed it at my 3rd year college show (I studied graphics design) and it was the first time I made something narrative and showed it to an audience. I loved the instant reaction people had, it was quite fascinating. I made an interactive stop-motion short film called The adventures of Veedor for my 4th year college show and was helped by Brunella Cocchiglia, who was my girlfriend at the time (we are now married and she produces my feature films). After college I worked in London for a couple of years making sketch comedy and helping with motion graphics for a comedy production company. While I was there I would go back to Dublin for the odd weekend and ‘borrow’ the camera and mics from work. With my friends Steven Courtney and Graham Newcombe we shot a 20 minute sketch show called The Lovely Show. I cut it back in London and Graham made music for it. We all acted in it, but it mostly starred Steve.”

Finnegan in Vivarium‘s behind the scenes

When did you return to Dublin?

“In 2004 I moved back to Dublin and set up a little company with Brunella and we made our first funded short film called Changes, about a couple of caterpillars who were in love but broke up after emerging from the chrysalis as butterflies. It was a mix of animation and live action and was financed by Screen Ireland. It starred my sister Emma, my friend Steve, Brunella and me. My friend Graham made the music. Then we made another short with Screen Ireland backing that was more like a music and dance film called Defaced, which was moving more towards live action but still had motion graphics and animation elements. Graham scored that one too. Then I made a little short for MTV called Tru Lav, which was just a 1 min visual joke really, Steve is briefly in that one at the start and again, Graham made the music. Then I think we made an experimental short for a Sony PSP competition called Sonny, Steve is in that too. He had lots of Sony devices stuck to his face. Then a little stop motion film called Sweet Talk, I made out of sweets. Then I was commissioned to make a short film for Sony PSP exhibition and was given the word ‘curiosity’, so I made a black and white short film using a mixture of live action and animation called Curiosity and Graham scored it.”

Finnegan in Vivarium‘s behind the scenes

Yours is an exceptional teamwork! And then?

“I made some music videos and started directing some commercials during this period too and eventually met screenwriter Garret Shanley in 2007. We tried to get funding for a couple of shorts and a feature film but were rejected. However in 2010 we applied for funding with a script adapted from a short story on Garret’s blog called Foxes and we got the money to make it. Although there is some CG animation in the film, Foxes was my first ‘proper’ live action short film. We premiered it at SXSW in 2011 and it went on to Tribeca and a bunch of other festivals and won some awards. We started developing Vivarium from some of the themes that we touched on with Foxes but development and financing was very slow, so Garret, Brunella and I applied for a Screen Ireland low budget feature film scheme called Catalyst (we previously applied in 2007 and were on the shortlist but didn’t get it, so we were determined to get this one). We were selected and we made a folk horror film called Without Name, which we premiered at TIFF in 2016. Then we eventually made Vivarium in 2018 which we premiered at Cannes in Critic’s Week in 2019. I’m now in prep on a new film called Nocebo that we are shooting in February, with Brunella producing alongside producing partner Emily Leo and Garret writing. So it’s been a long journey with a lot of things being made along the way, but good fun and hopefully lots more to do.”

Finnegan in Vivarium‘s behind the scenes

How much importance had short films in your growth and in the transition to two feature films?

“I only really learn by making things, so every project has been hugely important for growth and transition, especially the short films.”

I must ask you a question on Vivarium, I would mostly like to know if you agree with my very short review written for cinephile friends in our Facebook group: “Vivarium surely is one of the most interesting horror films in the last years: a nightmare that feeds on Black Mirror, Truman Show, Lanthimos, Kubrick, but also Twilight Zone, Escher, Charon, Freud and Satan, there is no shortage of symbologies (and 9 is the perfect number par excellence). Remarkable”. What do you think of my opinion?

“Thanks! Pretty much. It was also influenced by fine artists René Magritte and Edward Hopper and films like Lynch’s Lost Highway, Saul Bass’s film Phase IV, Teshigahara’s The Woman in the Dunes, Todd Haynes’ Safe,  Roy Andersson’s films, The Wizard of Oz and the photography of Andreas Gursky to name a few.”

Finnegan in Vivarium‘s behind the scenes

Upcoming projects?

Nocebo is next. It’s a supernatural thriller that I’ve been working on with Garret for a few years and is now ready to go. I’m also developing a bigger sci-fi film and dark fable.”

A life-long dream

“I want to go snorkelling in Raja Ampat!”

— ITALIAN —

Dopo aver visto l’horror fantascientifico Vivarium, presentato in anteprima mondiale al Festival di Cannes del 2019 e interpretato da Imogen Poots e Jesse Eisenberg, e quindi avere scoperto il regista irlandese Lorcan Finnegan e dopo essermi reso conto che la bellezza di quel film si fondava anche su una serie di cortometraggi – i corti sono quasi sempre le fondamenta di grandi filmografie! – non ho resistito e ho dovuto contattare Finnegan per porgli alcune domande. Ecco le sue interessantissime risposte, a partire proprio dalla sua narrazione dei suoi esordi nel piccolo formato.

Finnegan nel dietro le quinte di Vivarium

“Il mio primissimo ‘cortometraggio’ era in realtà un falso trailer di un film che non esisteva chiamato Boywalker” spiega il regista “L’ho realizzato con la handycam di mio padre e un paio di bambole che ho modificato con plastilina e denti. Mio fratello Conor (che è un regista di animazione) ha recitato insieme agli elfi. È stato ispirato da The Shoemaker and the Elves, ma i miei elfi hanno realizzato scarpe speciali per aiutare un ragazzo legato alla sedia a rotelle a camminare di nuovo. L’ho proiettato al saggio del terzo anno del college (ho studiato design grafico) ed è stata la prima volta che ho realizzato qualcosa di narrativo e l’ho mostrato a un pubblico. Ho adorato la reazione istantanea che hanno avuto le persone: piuttosto affascinante! Ho poi girato un cortometraggio interattivo in stop-motion, Le avventure di Veedor, per il saggio del quarto anno, aiutato da Brunella Cocchiglia, che all’epoca era la mia ragazza (ora siamo sposati ed è lei che produce i miei lungometraggi). Dopo il college ho lavorato a Londra per un paio d’anni realizzando sketch comedy e collaborando con una società di produzione per la motion graphics. Tornavo però a Dublino per il fine settimana, “prendendo in prestito” la fotocamera e i microfoni dal lavoro. Con i miei amici Steven Courtney e Graham Newcombe abbiamo girato uno sketch show di 20 minuti chiamato The lovely show. L’ho montato a Londra e Graham ha composto la musica. Vi abbiamo recitato tutti, ma soprattutto Steve”.

Finnegan nel dietro le quinte di Vivarium

Quando sei tornato a Dublino?

“Nel 2004 e ho fondato una piccola compagnia con Brunella, con cui abbiamo realizzato il nostro primo cortometraggio finanziato, Changes, su un paio di bruchi innamorati che si lasciano dopo essere emersi dalla crisalide come farfalle. Era un mix di animazione e azione dal vivo ed è stato finanziato da Screen Ireland. Vi hanno recitato mia sorella Emma, il mio amico Steve, Brunella e il sottoscritto. Anche qui, musiche del mio amico Graham. Poi ne abbiamo realizzato un altro con il supporto di Screen Ireland, più simile a un film di musica e danza, Defaced, che si stava muovendo più verso l’azione dal vivo ma aveva ancora grafica in movimento ed elementi di animazione. Graham ha musicato anche quello. Poi ho realizzato un corto per Mtv chiamato Tru lav, in realtà un semplice scherzo visivo di un minuto, in cui appare brevemente Steve e Graham ancora alle musiche. Poi abbiamo realizzato un cortometraggio sperimentale per un concorso Sony PSP chiamato Sonny: c’era Steve anche lì e aveva molti dispositivi Sony attaccati al viso! A seguire, un piccolo film in stop motion chiamato Sweet talk, quindi mi è stato commissionato un cortometraggio per la mostra della Sony PSP e mi è stata data la parola “curiosità”: ne è nato un corto in bianco e nero, un misto di azione dal vivo e animazione, chiamato Curiosity, scritto da Graham”.

Finnegan nel dietro le quinte di Vivarium

Un bel lavoro di squadra il vostro! Poi?

“Poi ho realizzato alcuni video musicali e ho iniziato a dirigere anche alcuni spot pubblicitari. È in questo periodo, precisamente nel 2007, che ho incontrato lo sceneggiatore Garret Shanley: abbiamo cercato di ottenere finanziamenti per un paio di cortometraggi e un lungometraggio ma siamo stati respinti. Tuttavia, nel 2010, abbiamo chiesto un finanziamento con una sceneggiatura adattata da un racconto sul blog di Garret chiamato Foxes e ce l’abbiamo fatta! Sebbene ci sia un po ‘di animazione in computer grafica, Foxes è stato il mio primo cortometraggio “vero” dal vivo. L’abbiamo presentato per la prima volta al SXSW nel 2011 ed è andato al Tribeca e a un sacco di altri festival, vincendo alcuni premi. Abbiamo iniziato a sviluppare Vivarium da alcuni dei temi toccati con Foxes, ma lo sviluppo dell’idea e il finanziamento sono stati molto lenti, quindi Garret, Brunella e io abbiamo fatto domanda per un progetto cinematografico a basso budget di Screen Ireland chiamato Catalyst, siamo stati selezionati e abbiamo realizzato un film horror folk chiamato Senza nome, che abbiamo presentato in anteprima al TIFF nel 2016. Poi abbiamo realizzato Vivarium nel 2018, che abbiamo presentato in anteprima a Cannes nella Settimana della Critica nel 2019. Ora sto preparando un nuovo film chiamato Nocebo, che gireremo a febbraio, con Brunella che produce insieme alla partner di produzione Emily Leo e Garret che scrive. Quindi è stato un lungo viaggio con molte cose fatte lungo la strada, ma molto divertente e, si spera, molto altro da fare!”

Foto durante la produzione di Without Name (Senza nome), horror di Finnegan con McKenna e Algar

Quanto sono stati importanti i cortometraggi nella tua crescita e nel passaggio a due lungometraggi?

“Imparo davvero solo realizzando le cose, quindi ogni progetto è stato estremamente importante per la mia crescita e maturazione, specialmente i cortometraggi!”.

Una domanda su Vivarium te la devo fare, più che altro vorrei sapere se concordi con la mia brevissima recensione ad uso di amici cinefili nel nostro gruppo Facebook: “Vivarium è sicuramente uno dei film horror più interessanti degli ultimi anni: un incubo che si nutre di Black Mirror, Truman Show, Lanthimos, Kubrick, ma anche di Twilight Zone, Escher, Caronte, Freud e Satana, e le simbologie non mancano (il 9 è il numero perfetto per eccellenza). Notevole”. Cosa pensi del mio giudizio?”

“Grazie! Direi che ci siamo abbastanza: è stato anche influenzato da artisti raffinati, come René Magritte ed Edward Hopper, e da film come Strade perdute di Lynch, il film di Saul Bass Fase IV: distruzione Terra, La donna di sabbia di Teshigahara, Safe di Todd Haynes, i film di Roy Andersson, Il mago di Oz, e dalla fotografia di Andreas Gursky, per citarne alcuni”.

Finnegan (Without Name)

Prossimi progetti?

Nocebo è il prossimo. È un thriller soprannaturale su cui lavoro con Garret da alcuni anni ed è ora pronto per partire. Sto anche sviluppando un film di fantascienza più grande e una favola oscura”.

Il tuo sogno nel cassetto?

“Voglio fare snorkeling a Raja Ampat!”.