You can find the Italian version of this article below.

This episode of Short to Success is dedicated to Harold Lloyd, since in these days occurs the 50th anniversary of his passing.

The American actor, director and producer, one of the myths of silent film, was born in Burchard, Nebraska, on Aprile 20th 1893 and died – in that building and landscape complex named Harold Lloyd Estate (or Greenacres), located in the Benedict Canyon section of Beverly Hills, California – on March 8th 1971. Exactly half a century ago.

Harold Lloyd Estate

To pronounce Harold Lloyd’s name is to enter the temple of early cinema, even if one of the major directors and actors (and jokesters!) of 20th and 21th centuries, Woody Allen, in his recent autobiography, seems to limit his greateness when he writes that “he staged his gags impeccably, but he never made me vibrate with empathy”. Of course even looking at them from a point of view that we could define – daring a little – Lombrosian, the two, Allen and Lloyd, actually seem quite distant! Besides, it is just a matter of taste, after all…

Like almost all of the starts between silent and sound, Harold Lloyd too was born, raised, formed and reached success thanks to an impressive number of short films that, in the first quarter of the past century, were really popular, as it is well-known.

Between his 213 credits as an actor, 192 are short films. Of his 11 directions, the first 4 are short films. These numbers speak for themselves in highlighting both the importance of the small format during the golden years of silent film – which obviously is not our discovery –, its relevance in a director’s career and, above all, in the acting career of one of the most celebrated American stars.

Speedy

His first short film as an actor, in the role of Yaqui Indian, moreover not officially credited, is ‘The Old Monk’s Tale‘, by J. Searle Dawley, distributed in the United States on February 15th 1913, drama.

The first one in which he is officially credited as Hal Lloyd is the western ‘The Sandhill Lovers‘, released in theatres on June 15th 1914. The director is unknown.

As author, in 1917 he directs the sport-themed ‘Over the Fence‘ and the comedy ‘Pinched‘; in 1918 and 1919 he signs respectively the direction of two more comedies, ‘The Lamb‘ and ‘Just Neighbors‘.

Beyond quoting the chronicle of the single titles, we must say that the beginnings were not comforting. After those appearances, thanks to the friendship with the young Hal Roach, he shoots with him some comedies with the stage name of Willie Work, but it doesn’t work. He then relies on Mack Sennet, but with poor results. He gets back with Roach to create the character, quite Chaplinian, of Lonesome Luke and, between 1916 and 1917, he takes part to a hundred films of a reel, managing to define his “image of a young man with breezy and good manners, perpetually in love and therefore haunted by bad luck (until, by chance, he solves the matter in the best possible way), with the characteristic round glasses that were ‘trademark’ of his films” (Fernaldo di Giammatteo, Dizionario Universale del Cinema), works that will then cash even more than those of Charlie Chaplin and Buster Keaton.

Safety Last

Between the end of the 10s and the first half of the 20s, the definitive fame comes with ‘Bumping into Broadway‘, ‘Never Weaken‘ ‘Grandma’s Boy‘, ‘Safety Last‘, ‘Why Worry?‘ and ‘The Freshman‘: Harold Lloyd is now a star.

A star formed in the small large spaces of short film.

On his death which was, indeed, fifty years ago, he left a great fortune that, apart from the rifghtful inheritances, was used to realized a musem that preserves a treasure of pictures of him and his work.

— ITALIAN —

Questa puntata di Short to Success è dedicata a Harold Lloyd, perché in questi giorni ricorre il cinquantesimo anniversario della sua scomparsa.

L’attore, regista e produttore statunitense, uno dei miti del cinema muto, nato a Burchard, in Nebraska, il 20 aprile del 1893, muore infatti – in quel complesso immobiliare e paesaggistico che si costruisce negli anni ’20, denominato Harold Lloyd Estate (o Greenacres), e situato nella sezione Benedict Canyon di Beverly Hills, in California – l’8 marzo del 1971. Esattamente mezzo secolo fa.

Pronunciare il nome di Harold Lloyd è entrare nel tempio del cinema delle origini, anche se uno dei maggiori registi e attori (e battutisti!) del ventesimo e del ventunesimo secolo, Woody Allen, nella sua recente autobiografia, sembra limitarne la grandezza quando scrive che “metteva in scena le gag in modo impeccabile, ma non mi ha fatto mai vibrare di empatia”. Certo, anche a guardarli da un punto di vista che potremmo definire – azzardando un po’ – lombrosiano, i due, Allen e Lloyd, appaiono effettivamente abbastanza distanti! E poi, in fondo, è pur sempre questione di gusti…

Come quasi tutti i divi tra muto e sonoro, anche Harold Lloyd nasce, cresce, si forma e ottiene il successo grazie a una quantità industriale di cortometraggi, che, nel primo quarto del secolo scorso, andavano – com’è noto – assai di moda.

Dei suoi 213 credits come attore, ben 192 sono cortometraggi. Delle 11 regie, le prime 4 sono cortometraggi. I numeri parlano da soli nel segnalare sia l’importanza del piccolo formato negli anni d’oro del muto – che non scopriamo certo noi -, sia la sua rilevanza nella carriera di regista e, soprattutto, di interprete di una delle più celebrate star statunitensi.

Il primo cortometraggio da attore, nel ruolo di Yaqui Indian, peraltro non accreditato ufficialmente, è ‘The Old Monk’s Tale‘, di J. Searle Dawley, distribuito negli Stati Uniti il 15 febbraio del 1913, drammatico.

Il primo, invece, in cui è ufficialmente accreditato, come Hal Lloyd, è il western ‘The Sandhill Lovers‘, uscito in sala il 15 giugno del 1914. Se ne ignora il regista.

Come autore, nel 1917, dirige lo sportivo ‘Over the Fence‘ e la commedia ‘Pinched‘; nel 1918 e nel 1919, firma rispettivamente la regia di altre due commedie, ‘The Lamb‘, e ‘Just Neighbors‘.

Al di là della citazione cronachistica dei singoli titoli, c’è da dire che gli inizi non furono confortanti. Dopo le comparsate, grazie all’amicizia con il giovane Hal Roach, gira insieme a lui alcune comiche con il nome d’arte di Willie Work, ma non funziona. Si appoggia a Mack Sennett, però con scarsi risultati. Torna con Roach per creare il personaggio, un po’ chapliniano, di Lonesome Luke e, tra 1916 e 1917, prende parte a un centinaio di pellicole da un rullo, riuscendo a definire la sua “figura di giovanotto dai modi disinvolti e cordiali, perennemente innamorato e perciò perseguitato dalla cattiva sorte (finché il caso non risolve la vicenda nel migliore dei modi), dai caratteristici occhiali rotondi che furono il ‘marchio di fabbrica’ dei suoi film” (Fernaldo di Giammatteo, Dizionario Universale del Cinema), opere che andranno poi a incassare anche più di quelle di Charlie Chaplin e Buster Keaton.

Tra la fine degli anni ’10 e la prima metà degli anni ’20, arriva il successo definitivo, con ‘Amore e poesia‘ (‘Bumping into Broadway‘), ‘Viaggio in Paradiso‘ (‘Never Weaken‘), ‘Il talismano della nonna‘ (‘Grandma’s Boy‘), ‘Preferisco l’ascensore‘ (‘Safety Last‘), ‘Accidenti alla tranquillità‘ (‘Why Worry?‘) e ‘Viva lo sport‘ (‘The Freshman‘): Harold Lloyd è ormai un divo.

Un divo formatosi nei piccoli grandi spazi delle pellicole brevi.

Alla sua morte, appunto, cinquant’anni fa, lascia una grande fortuna che, tolte le legittime eredità, serve per realizzare un museo che conserva un tesoro di immagini sue e del suo lavoro.