You can find the Italian version of this article below.

Daniele Misischia, Roman director born in 1985, has found the national spotlight, the official one, with the broadest audience, with his full length-film ‘The End?‘ (‘The End? L’inferno fuori‘, 2017) available for rent on YouTube at this link. It’s a horror film, a genre of which Misischia is an enthusiastic and expert, that puts zombies in a narrative context between quotationism and the fast unpredictability of their (in)existence, assaulting the psychological entrails of the main character, the convincing Alessandro Roja, and the nerves of the director’s must-actor, Claudio Camilli. Of course, there is no lack of clichés, but they are mostly required topoi of the genre. And Misischia makes genre cinema. The claustrophobia is almost the absolute master, however it’s about a somehow ‘open’ claustrophobia. And the result is, after all, satisfying. In other words, it’s a work that is gladly recommended to watch, obviously to the enthusiasts of this cinema branch, who are many anyway.

Before reaching this excellent result, Misischia had mainly tackled in the short format. In fact, there are many short films thought, written, directed and edited by him. Also numerous are the web series, another version of short films, if we consider the brevity of each single episode. Most of this production is available on his YouTube channel, Nooseindustry 2.0.

His history or, to better to say, his burst of short films, which often were awarded in specialized festivals, starts in 2007 with ‘Giorni di notte‘, followed by ‘4232‘ (2008), ‘Reality‘ (2008), ‘N.E.T.‘ (2008), ‘Flashback‘ (2008), ‘Max Payne: Days of Revenge‘ (2009). Also from 2009 is ‘Nikotina: nuoce gravemente alla salute‘ (available here), an evil film, sharp, metallic, that allows you to see it is low budget, but in a way that you almost can’t notice, outlining a clearly over the top story of a brother and a sister.

The End?

Also from 2009 is the horror trilogy ‘S.R.P.‘ (Sinner, Redemption, Penance), whereas in 2010 Misischia realizes ‘Play‘, ‘End roll 2.58.11‘ and ‘Solo‘, and in the same year shoots ‘Reality – The series‘ (YouTube link) a web series for promotional purposes, violent and unbridled, with a bit of too many ingenuities, but effective in its complex, a bit like Saw.

In 2001 arrives ‘Silent Hill: Lost Innocence‘ (YouTube link), a successful nightmare that hits hard, an initiation to the world that passes through crime and the strivings not of revolution, but of resolution.

In the same year, Misischia also experiments with his first full-length film, ‘Il giorno dell’odio‘ (YouTube link), another evil and violent work, which sees the presence of his favorite actor, employed in almost his previous short films, Claudio Camilli. ‘Il giorno dell’odio‘ (Hell of a Day) may have as a model the excellent Pusher (1996) by Nicolas Winding Refn. It is a film in which, anyway, the Roman director does not suffer from the change in format: definitely good.

Swan, from 2012 (YouTube link) may be not the best short film made by Misischia; with improbable ballistics (a characteristic found as well as in other works, but in this one extremely exaggerated), it would like to enrich itself with the music from ‘Swan Lake‘ by Pëtr Il’ič Čajkovskij. It would like to do so, because the results is not particularly happy nor original.

Hell of a Day

From the same year, the director realizes the successful fan movie ‘Resident Evil Underground‘ (YouTube link) inspired by the homonymous cinematographic zombie saga and the videogame; ‘Inside‘; his second full-length film, ‘End Roll‘ (YouTube link) whereby he tries himself with the mockumentary horror genre; and another fan movie, less interesting than the first one, ‘Lara Croft Tomb Raider The Endless Path‘ (YouTube link).

How to Promote a Movie‘ (2013, YouTube link) is a promotional short film which anticipates the film ‘Connections‘, definitely not bad as a trailer for a horror film: a little bit costly as for funeral parlor, cleaning company and ammunition, but effective and enthralling! Also in 2013 Misischia shoots three more short films: ‘Twelve‘; ‘Il ritorno di Elena‘ (YouTube link), featured in the episodic horror film ‘17 a Mezzanotte‘, a collective project conceived by Davide Pesca (‘Il ritorno di Elena‘ is a good quality horror, in which one can notice the low cost and some ingenuities, but the screenwriting with no dialogues, the rhythm and the editing keep the attention awake); and ‘Hobo‘, segment of ‘Connections‘.

From 2014 is the short film ‘Ergo Proxy: Awareness‘ (YouTube link), freely inspired by the anime ‘Ergo Proxy‘, realized by ‘Geneon Entertainment’ & Manglobe studios, original series written by Dai Sato and directed by Shuko Murase.

Follows, during the same year, ‘Anna: cronache di un’attrice emergente‘, mini-tv series in six episodes (YouTube link), a very interesting show, acted by the great Arianna Bonardi, whom we will find again further.

Panopticon

In 2015, Misischia shoots two more short films – ‘The Bunnyman‘ (YouTube link), not bad, also inspired by a videogame, and ‘Devil on the Road‘ (YouTube link), interesting settling of scores between two former accomplices – and participates to the collective film ‘Adrenaline‘.

Are also worthy his works from 2016, which express clear signals of an increasingly evident and involving maturity.

The first one is the full-length film ‘Panopticon‘. It is, actually, a web series in 15 episodes, edited as a complete film with the length of an hour, in confirmation of this sane oscillation between formats which all along characterizes Misischia’s directorial production, here shared with Cristiano Ciccotti: we are in front of a dystopic thriller, mildly science fiction and hypnotic, a black-and-white film of good quality. You can find it here.

The second one is the short film ‘[VLOG] L’ultimo video di Sara‘, then merged in 2018 in the video by several authors ‘After Midnight‘: lapidary, fierce, raw, great under many points of view. It is the prelude to the film that marks his official debut, that ‘The End‘ we talked about at the beginning of the article.

Again in 2018, another short film, promotional work for the tv series ‘SkullGirl‘, written by Misischia again with Ciccotti, but directed by himself. Noteworthy. During the same year, the Roman director realizes the webserie ‘Matildà – Con l’accento sulla A‘, with the great Arianna Bonardi (the same actress from ‘Anna: cronache di un’attrice emergente‘, also appearing in ‘SkullGirl‘), here also in the shoes of creator of characters: Matildà is a strage reluctant serial killer who is influenced by her father, also a killer, an heavily Francophile Roman! The series is an amazing trip in the ‘dark comedy’ genre. You can find it here on PrimeVideo.

Matildà

From 2019, again with Bonardi, he shoots the macabre fairy tale of the length of 5 minutes, ‘Soltanto parole‘, a disturbing black-and-white, which recalls a little bit one of the most unsettling Greek films from the third millennium, ‘Miss Violence‘ by Alexandro Avranas (2013).

In the next few days (it is announced for August 12th), will debut ‘Il mostro della cripta‘, new full-length by Misischia, between horror, sci-fi, comedy and adventure: the story of a nerd teenager who, flipping through a comic books, notices parallelism between the plot he is reading and the real life horrors of the village he lives in. Needless to say, he will try to investigate with his friends…

We confidently wait for it!

— ITALIAN —

La ribalta nazionale, quella ufficiale, la platea più vasta, Daniele Misischia, regista romano classe 1985, l’ha trovata con il lungometraggio ‘The End? L’inferno fuori’ (2017), fruibile a noleggio su YouTube a questo link. Un film horror, genere di cui Misischia è appassionato ed esperto, che colloca gli zombies in un àmbito narrativo tra il citazionismo e la veloce imprevedibilità della loro (in)esistenza, aggredendo le interiora psichiche del protagonista, il convincente Alessandro Roja, e i nervi dell’attore must del cineasta, Claudio Camilli. Certo, non mancano i luoghi comuni, ma sono più che altro i necessari topoi del genere. E Misischia fa cinema di genere. La claustrofobia è quasi assoluta padrona, tuttavia si tratta di una claustrofobia in qualche modo aperta. E il risultato, in fin dei conti, è più che soddisfacente. Insomma, è un’opera della quale si consiglia volentieri la visione: ovviamente agli amanti di questa branca della cinematografia, che sono comunque tanti.

Misischia, prima di giungere a questo eccellente risultato, si è cimentato prevalentemente nel formato breve. Molti, infatti, i cortometraggi da lui pensati, scritti, diretti e montati. Numerose anche le webserie, altra versione dei corti, in considerazione della brevità dei singoli episodi. La maggior parte di questa produzione è reperibile sul suo canale YouTube: Nooseindustry 2.0.

La sua storia, anzi la sua raffica di cortometraggi, spesso premiati nelle rassegne specializzate, inizia nel 2007, con ‘Giorni di notte’, seguito da ‘4232’ (2008), ‘Reality’ (2008), ‘N.E.T.’ (2008), ‘Flashback’ (2008), ‘Max Payne: Days of revenge’ (2009). Sempre del 2009 è ‘Nikotina: nuoce gravemente alla salute’ (2009) (YouTube link), un film cattivo, tagliente, metallico, che lascia vedere il suo essere a basso costo ma in una maniera che quasi non si nota, delineando la vicenda di un fratello e una sorella decisamente sopra le righe!

The End?

Sempre del 2009 è la trilogia horror ‘S.R.P.’ (Sinner, Redemption, Penance), mentre, nel 2010, Misischia realizza ‘Play’, ‘End roll 2.58.11’ e ‘Solo’, lo stesso anno in cui gira ‘Reality – The series’ (YouTube link), una webserie girata a fini promozionali violenta e smodata, con qualche ingenuità di troppo, ma nel complesso efficace, un po’ alla ‘Saw – L’enigmista’.

Nel 2011 arriva ‘Silent Hill: Lost Innocence’ (YouTube link), un incubo riuscito che picchia duro, un’iniziazione al mondo che passa attraverso il crimine e gli aneliti non di rivoluzione, bensì di risoluzione.

E in quello stesso anno Misischia si cimenta anche con il suo primo lungometraggio, ‘Il giorno dell’odio’ (YouTube link), un’opera anch’essa cattiva e violenta, che vede la presenza del suo attore preferito, impiegato in quasi tutti i cortometraggi precedenti, Claudio Camilli. ‘Il giorno dell’odio’ ha forse come modello l’ottimo ‘Pusher – L’inizio’ (1996), di Nicolas Winding Refn. È comunque un film in cui il regista romano non risente minimamente del cambio formato: decisamente buono.

Swan, del 2012 (YouTube link) non è probabilmente il miglior cortometraggio di Misischia; dalla balistica improbabile (caratteristica presente anche in altre sue opere, ma qui decisamente esagerata) vorrebbe impreziosirsi con le musiche del ‘Lago dei Cigni’ di Pëtr Il’ič Čajkovskij. Vorrebbe, perché il risultato non è particolarmente felice, né originale.

In quello stesso anno, il cineasta realizza: il riuscito fan movie ‘Resident Evil Underground’ (YouTube link), ispirato all’omomima saga cinematografica zombie e al videogame; ‘Inside’; il secondo lungometraggio, ‘End Roll’ (YouTube link), con il quale si cimenta nel genere mockumentary horror; e un altro fan movie, meno interessante del primo, ‘Lara Croft Tomb Raider The Endless Path’ (YouTube link).

Panopticon

How to Promote a Movie’ (2013) (YouTube link), è un cortometraggio promozionale che anticipa il film ‘Connections’, decisamente niente male come trailer per un film horror: un po’ costoso quanto a pompe funebri, impresa di pulizie e munizioni, ma efficace ed entrante! Sempre nel 2013 Misischia gira altri tre corti: ‘Twelve’; ‘Il ritorno di Elena’ (YouTube link), presente nel film horror a episodi ‘17 a Mezzanotte’, progetto collettivo ideato da Davide Pesca (‘Il ritorno di Elena’ è un horror di buona fattura, di cui si notano il low cost e qualche ingenuità, ma la sceneggiatura senza dialoghi, il ritmo e il montaggio tengono desta l’attenzione); e ‘Hobo’, segmento di ‘Connections’.

Del 2014 è il corto ‘Ergo Proxy: Awareness’ (YouTube link), liberamente ispirato alla serie anime ‘Ergo Proxy’, realizzata dagli studi ‘Geneon Entertainment’ & Manglobe, serie originale scritta da Dai Sato e diretta da Shuko Murase.

Segue, nello stesso anno, ‘Anna: cronache di un’attrice emergente’, miniserie televisiva in sei episodi (YouTube link), una serie molto interessante, interpretata dall’ottima Arianna Bonardi, che ritroveremo anche più avanti.

Nel 2015, Misischia gira altri due corti – ‘The Bunnyman’ (YouTube link), non male, anche questo tratto da un videogame, e ‘Devil on the Road’ (YouTube link), interessante regolamento di conti fra due ex complici – e partecipa al film collettivo ‘Adrenaline’.

Meritevoli anche le sue opere del 2016, che esprimono chiari segnali di una maturità sempre più evidente e coinvolgente.

La prima è il lungometraggio ‘Panopticon’. In realtà, si tratta di una webserie in 15 episodi montata come un film completo di un’ora, a conferma di questa sana oscillazione fra i formati che da sempre caratterizza la produzione registica di Misischia, qui condivisa con Cristiano Ciccotti: siamo di fronte a un thriller distopico, blandamente fantascientifico e ipnotico, un bianco e nero di buona fattura. Lo trovate qui su YouTube.

Il mostro della cripta

La seconda è il corto ‘[VLOG] L’ultimo video di Sara’, confluito poi nel 2018 nel video di autori vari ‘After Midnight’: lapidario, feroce, crudo, ottimo sotto tutti i punti di vista. È il preludio al film che segna l’esordio ufficiale, quel ‘The End? L’inferno fuori’ (2017) citato all’inizio.

Ancora 2018, ancora un cortometraggio, il film promozionale per la serie tv ‘SkullGirl’, scritto da Misischia nuovamente con Ciccotti, ma diretto da solo. Degno di nota. Nello stesso anno, il regista romano realizza la webserie ‘Matildà – Con l’accento sulla A’, con la bravissima Arianna Bonardi (la stessa attrice di ‘Anna: cronache di un’attrice emergente’, apparsa anche in ‘SkullGirl’), qui anche nella veste di creatrice dei personaggi: Matildà è una strana serial killer controvoglia che subisce l’influenza del padre, pure killer, un romano pesantemente francofilo! La serie è uno spiritoso viaggio nel genere ‘dark comedy’. Molto promettente. La trovate qui su Prime Video.

Del 2019, sempre con la Bonardi, gira la fiaba macabra di 5 minuti ‘Soltanto parole’, un inquietante bianco e nero, che rimanda un po’, ma solo un po’, a uno dei film greci più disturbanti del terzo millennio, ‘Miss Violence’, di Alexandro Avranas, del 2013.

Nei prossimi giorni (è annunciato il 12 agosto), uscirà ‘Il mostro della cripta’, nuovo lungometraggio di Misischia, tra horror, fantascienza, commedia e avventura: la storia di un adolescente secchione che, sfogliando un fumetto, vede paralleli tra la storia che legge e gli orrori della vita reale nel villaggio in cui vive. Inutile dire che cercherà di indagare con i suoi amici…

Attendiamo con fiducia!