You can find the Italian version of this article below.

Article cover: Michele Coppini during the shooting of Dio è in pausa pranzo

Our cinematographic journey between short films and theatrical successes meets today Italian independent cinema, in the person of Michele Coppini, from Florence, with a new film soon to be released, a film with an authentic surprise that we will reveal to you later, at the end of the article. Sometimes, success is also this.

“I was born, like we all do, from my mother’s private area, but in Florence, like only Florentines can do, in 1979, like the first Walkman model – starts Coppini with his usual playful attitude – I started realizing comedic short films from a very young age, in the triple role of director-actor-screenwriter. At 17 years old I moved to Rome to attend the Istituto per la cinematografia e la televisioneRoberto Rossellini‘ (Institute for cinematography and television) and some formation courses for actors. I graduated as cine-television operator and I went back to Florence to start working as cameraman for several Florentine broadcasters. Told like that, it looks like I was a model student, but in fact Pierino by Alvaro Vitali was nothing compared to me…”.

Il buon lavoratore

And here starts his short films production, with which is formed his directorial style, at the same time self-ironic, light-hearted and strict, that marks his most recent production. But let him tell us about it…

From 1996 is ‘Il buon lavoratore‘: “It is the story of Samuele (portrayed by myself), who finishes school and enters for the first time not in the labor market, but in the world of “looking for a job”. Any job. It was my first short and, even if amatorial and realized with friends in the roles of actors, troupe and background actors, was the one that gave me the braveness to prove myself. With this film I could measure how much nerve I had. It came out that I had enough to keep going!”.

In 1997, Coppini shoots ‘I perditempo‘: “Another comedy, which is about three guys and a girl who share an apartment in central Florence. Some work, some study, some get engaged. This is the first short film with which people associated me with Leonardo Pieraccioni. Often in a nice way, but other times in a bad way. Well, at 17 I had to start forcing myself to find an alternative way of making comedies. But it wasn’t easy. During the same year, I shot ‘Eccoci all’acqua‘. The genre is still comedy. The story is that of a barely legal couple that is about to have the first child. I had fun with friends learning to make cinema and people kept defining me as a Pieraccioni copy. And some others a poor copy… To myself, I was just a Florentine boy gaining experience in the magic world of Leonardo Pieraccioni and all the Tuscanian cinema”.

A perfect day

Difficult landscapes for a young man, a little more than a teenager, who aims to emerge as independent in the mare magnum of cinema, landscapes dealt with and solved with brilliance and, let’s say, in nimbleness. With 1999, in addition to twenty years old, arrive for Coppini the first comedic short: ‘A perfect day‘: “A short film of ninety seconds, for a contest organized by the Gialappa’s Band, in which I told the preparation, before heading out of home, of an old-fashioned boy of our days, in pure comedies style like Laurel & Hardy. I had carved out a small role for myself, to make space for a great Andrea Ciaffaroni, who is now a famous biographer for major cinema figures, including Peter Sellers, Nino Manfredi and Cochi e Renato. That time, nobody had the guts to compare me to Pieraccioni. Neither to Laurel & Hardy… What a shame! Follows, in 2000, ‘Quasi Paperino‘, with which I go back to the comedy genre and I shoot the tangled stories of several characters. I shot this one and the previous far from home, in Rome, during my cinema studies that I was attending at Istituto Rossellini. You could tell that I was losing the edge of the first ‘balocchi‘ –toys, translation note- (I like calling them this way, because I had fun realizing them with my historical friends from Florence). From here, I almost completely suspended the realization of other short films, until I had finished my studies and I hadn’t come back home”.

This intermission lasts three years. It is in 2003, in fact, that Coppini goes back to his ‘Buon Lavoratore‘. “Yes, it is the remake, with a little bit more of possibilities, of my first short. I prefer saying ‘a little bit more of possibilities’ rather than ‘with more money and means’, because it would be an exaggeration. But, at least, I could count on a real actress, Patrizia Ferretti, who since that moment will almost always be part of my following works. This short film made us also win a few little prizes”.

Benvenuti in amore

“In 2005 – goes on the Florentine director – I realize (damn myself!) my first (and I risked it to remain the last) full-length film, ‘Mani molto pulite‘, a comedy realized with a bit more of a thousand euros and distributed by Cecchi Gori Home Video. First film and first flop. I qualify it as my worst work. If it had remained in a drawer, it would have not been a problem. The thing is, this film was my first distributed work, and not by any distributor, rather by, as I said, Cecchi Gori Home Video. Sure, if such an important label had believed in me, it must mean that they had seen something good, but I can’t accept such a misstep. In my defense I have many excuses: a full-length film shot with little more than a thousand euros, most of the actors were not actors, at first it should have been a short film but then, knowing of Cecchi Gori‘s interest, I commuted it in a few days in a full-length… I could stay here hours and hours to enumber excuses but what I think is that, when a viewer decides to spend money to watch a movie (at cinema, in dvd, in streaming), they rightly have the expectations of any other ‘A series’ film. But ‘Mani molto pulite‘ also marked a turning point in my career: from that experience I learnt all that I had messed up and all I could have done, the commitment I should have put in my following works and the sweat that is needed to realize a good product. Sometimes, passion alone is not enough”.

Three years later, Coppini, again with Cecchi Gori Home Video, realizes ‘Benvenuti in amore‘, second independent work (with a budget of only 30.000€).

“Finally, my very first positive piece – observes the director – ‘Benvenuti in amore‘ finally gave me so many gratifications that it paid me back also for all the disappointments of the previous film. It gave me the opportunity to make myself known also outside of Tuscany, distributed by Cecchi Gori Home Video, this means having a very respectable national display case. It is also available on Amazon Prime Video. It narrates stories of neurotic couples, but not broken up, on the contrary! This film allowed myself to clean my image after the disgrace I had previously realized… (But, if I offend so much my first film, I’m risking that some people, like trash lovers of the fetishists cinematographic ‘pigstis’, get passioned to the cause and desire to look for it online to watch it with their own eyes… So it’s time to stop, I will gloss over this topic as if nothing happened…)”.

Calcio all’italiana

“2012 is the year of ‘Paranormal Precarity‘ – goes on Coppini –, the first ironic transmission on juvenile precarity in Italy, hosted by myself and directed and written (alongside with Massimiliano Manna, Paola Barile and Serena Tozzi). In 2013, with the same work group, I establish the Aps Officine Papavero (link), with which we produce, the following year, the docufilm ‘Zero bagget‘ an experimental full-length film (‘experimental’ sounded better than ‘penniless’), entirely shot with a Samsung Galaxy S5 cellphone (that’s why it was pennliess…) and that sees the special appearance of Paolo Ruffini and Shel Shapiro. It is a semi-serious inquiry on Italian cinema, a documentary that had me surprised for how positively it was received by the public. It is distributed by Nuova Alfabat in home video and by CG Entertainment on Amazon Prime Video”.

To all this, follows another little big turning point in the curious and heterogeneous video and cinematographic production of this author all to be discovered. “At Christmas 2015 – he goes on with his story – on the websites of ‘Corriere dello Sport‘ and ‘Tuttosport‘ debuts the comedic web series ‘Calcio all’italiana‘, a parody on sports fans and the world of soccer, portrayed by me, and written with the collaboration of Massimiliano Manna. Another step for me: with this series, I finally had a national spotlight of all respect. I also would have liked to give it a sequel, but then me and Manna turned to other projects”.

Ora non ricordo il nome

In 2016 arrives ‘Ora non ricordo il nome‘, comedic docufilm dedicated to the character-actors of Italian cinema, essential figures, those actors of whom the whole audience know the face and skill, but too offen, precisely, does not remember the name: “This film – Coppini explains – was an actual tribute to actors like carlo Monni, sora Lella, Tiberio Murgia, Tina Pica. A role, that of the character-actor, which unfortunately is disappearing more and more. Apart from myself and the comedian Stefano Martinelli, the film also sees the friendly participation of important national actors like Paola Tiziana Cruciani, Stefano Ambrogi, Camillo Milli, Franco Pistoni, Isa Gallinelli, Sandro Ghiani and the journalist Marco ‘Stracult’ Giusti. ‘Ora non ricordo il nome‘ is distributed by CG Entertainment in home video and Amazon Prime Video.”.

This brings us to 2018, year in which the director, with the comedy ‘Ossitocina‘, on the human-dog relationship, goes back to short film. “In a year during which I was free enough from projects – he says –, I wanted to realize again a short film, just for pure fun. It came out a good film of 30 minutes length, that really moved the audience during the many projections in which I participated. I wanted to tell the beautiful relationship that can be established between a person and an animal. In this film, the small four-legged friend is ‘portrayed’ by Eastwood, my real dog. He is not trained at all, and indeed some times he doesn’t even answer to his name, but despite this, onstage, he was fantastic. Let’s just say that, between the two of us I was the dog-actor –attore cane means bad actor in Italian, translation note-. This is probably my most serious film, but the funny situations are not lacking”.

Dio è in pausa pranzo: Francesca Cellini, Massimo Borgioli, Laura Valentina Rosi, Aldo Pellegrini

Between 2018 and 2019, Coppini hosts two semi-serious tv programs (‘Figli delle stelle‘ and ‘Come un pesce fuor d’acqua‘), produced and on air on the Tuscanian broadcaster Rtv38. Since 2019 he starts realizing videonews for the website of the Florentine newspaper ‘La Nazione‘, always mantaining his ironic and light-hearted spirit (“also because – he confesses – if I was serious, I would be even more comic, involountarily… but comic”). For LaNazione.it he curated the video sections ‘Selfie per Montella‘ and ‘#StorieSenzaHashtag‘.

And now we come to the last (at least for now) great satisfaction, the full-length film debuting soon: “During the worst possible time of the world, both economically and medically – Coppini explains –, I managed to find the opportunity to shoot my new film, titled ‘Dio è in pausa pranzo‘: produced by me and Massimiliano Manna for ‘Officine Papavero‘. It tells the pandemic period from the point of view of a fragile 40-year-old, gullible and really quite mad. Browsing the internet, he gets much influenced by the various conspiracy theorists who create and disclose grotesque theories, including the one in which the Americans would have released in the air a gas that would turn us all into zombies. The Covid-19 symptoms would just be the first step towards the mutation in living dead. So can you imagine how many comedic situations? I wrote the screenplay in a month not because I’m a fast writer, but because all I had to do was observing reality, make some research on the internet and find out that there is people who really say those things. The director of Radio Maria himself also let himself away live by saying: ‘Covid is a criminal project by global élites to eliminate who doesn’t go along and reduce us to zombies’. So, at this point, I ask myself a question: what use is for us screenwriters if, in reality, people gifts you plots and Oscar-material jokes this way…?

Dio è in pausa pranzo: Coppini during the film shooting

How would you define this last film of yours?

“I would define it as a ‘dramedy’, because you will laugh a lot (for absurd situations like some theories) but will also reflect a lot, also with the risk of shedding a tear… I’m very happy about this film. I had the luck to work with great actors such as Alessio Venturini, Sergio Forconi, Francesca Cellini, Aldo Pellegrini, Patrizia Ferretti, but most importantly, Athina Cenci!!! Cenci is one of my myths since I was a child shooting my first short films with friends. Let’s say that, with her, we close a loop: I end my ‘young director’ period and I become a mature author, a comedy actor that had realized his dream to work with the most avant-garde comedy actress of the 80s. When I thought about her for the role of the so-called Ministro Carruezzo, I told myself ‘she would never accept. Michele, give up, do you really think that an actress like Athina, winner of the David di Donatello, will accept to act in your film? Also during this pandemic time? Come on, forget about it…’. And then not only she accepted, but also did it with enthusiasm and she put herself at disposal of the film 100%. A very force of nature. By now, I can say that Athina put behind her back the health problem that held her down for a long period. Italian actresses, look out, one of the strongest ever has come back!”.

Dio è in pausa pranzo: Coppini during the film shooting
— ITALIAN —

Il nostro viaggio cinematografico fra cortometraggi e successi cinematografici incontra oggi il cinema indipendente italiano, nella persona di Michele Coppini, da Firenze, con un nuovo film in uscita prossimamente, un film con un’autentica sorpresa che però vi raccontiamo dopo, nel finale. A volte il successo è anche questo.

“Nasco, come tutti, dalle parti intime di mia madre, ma a Firenze, come solo i fiorentini sanno fare, nel 1979, come il primo modello di Walkman – esordisce Coppini con il suo consueto fare scherzoso -. Comincio a realizzare cortometraggi comici giovanissimo nella tripla veste di regista-attore-sceneggiatore. A 17 anni mi trasferisco a Roma per frequentare l’Istituto per la cinematografia e la televisione ‘Roberto Rossellini’ e alcuni corsi di formazione per attore. Mi diplomo come operatore cine-televisivo e torno a Firenze per iniziare a lavorare come cameraman in varie emittenti toscane. Detto così, sembra che sia stato un alunno modello, in realtà Pierino di Alvaro Vitali non è stato nulla in confronto a me…”.

E qui inizia la sua produzione di cortometraggi, con la quale si forma lo stile registico insieme autoironico, scanzonato e rigoroso che contrassegnerà la sua più recente produzione. Lasciamo che sia lui a raccontarceli…

Eccoci all’acqua

Del 1996 è “Il buon lavoratore“: “È la storia di Samuele (interpretato da me), che finisce gli studi ed entra per la prima volta, non nel mondo del lavoro, ma nel mondo della ricerca di un lavoro. Qualsiasi lavoro. È stato il primo corto e, anche se amatoriale e realizzato con amici nelle vesti di attori, troupe e comparse, è stato quello che mi ha dato dato il coraggio di mettermi alla prova. Con questo film ho potuto misurare quanta ‘faccia tosta’ avessi. Venne fuori che ne avevo abbastanza per continuare!”.

Nel 1997, Coppini gira “I perditempo“: “Un’altra commedia, che narra di tre ragazzi e una ragazza che dividono un appartamento in centro a Firenze. Chi lavora, chi studia e chi si fidanza. Si tratta del primo corto in cui la gente mi ha associato a Leonardo Pieraccioni. Spesso in modo simpatico, altre volte in modo cattivo. Insomma, a 17 anni ho dovuto cominciare a sforzarmi di trovare un modo alternativo di fare commedie. Ma non è stato facile. In quello stesso anno giro ‘Eccoci all’acqua’. Il genere è ancora la commedia. La storia è quella di una coppia appena maggiorenne che sta per avere il primo figlio. Io mi divertivo con gli amici ad imparare a fare cinema e la gente continuava a definirmi una copia di Pieraccioni. Altri invece una brutta copia… Per me ero solo un ragazzino fiorentino che si stava facendo le ossa nel periodo magico di Leonardo Pieraccioni e di tutto il cinema toscano”.

Ossitocina

Passaggi difficili per un giovane poco più che adolescente che punta a emergere da indipendente nel mare magnum del cinema, passaggi affrontati e risolti con brillantezza e, diciamo, in scioltezza. Con il 1999, oltre ai vent’anni, arriva per Coppini il primo corto comico: “A perfect day“: “Un corto di novanta secondi per un concorso organizzato dalla Gialappa’s Band, in cui raccontavo la preparazione, prima di uscire di casa, di un ragazzo all’antica dei giorni nostri, in puro stile comiche alla Stanlio & Ollio. Io mi ero ritagliato un piccolo ruolo per dare spazio a un bravissimo Andrea Ciaffaroni, oggi famoso biografo di grandi personaggi del cinema, tra cui Peter Sellers, Nino Manfredi e Cochi e Renato. Quella volta nessuno ebbe il coraggio di paragonarmi a Pieraccioni. Né a Stanlio & Ollio… peccato! Segue, nel 2000, ‘Quasi Paperino’, con cui torno al genere commedia e giro storie intrecciate di vari personaggi. Questo e il precedente li ho girati lontano da casa, a Roma, durante gli studi di cinema che frequentavo all’Istituto Rossellini. Si vedeva che stavo perdendo lo smalto dei primi ‘balocchi’ (mi piace chiamarli così proprio perché mi divertivo a realizzarli con i miei amici storici di Firenze). Da qui, sospesi quasi totalmente la realizzazione di altri corti, fino a quando non avessi finito gli studi e non fossi tornato a casa”.

L’intervallo dura tre anni. È nel 2003, infatti, che Coppini torna sul suo “Buon Lavoratore”. “Sì, è il remake, con un po’ di possibilità in più, del mio primo corto. Preferisco dire ‘con un po’ di possibilità in più’ piuttosto che ‘con più soldi o più mezzi’, perché sarebbe esagerato. Però almeno potevo contare su un’attrice vera, Patrizia Ferretti, che da allora farà quasi sempre parte dei miei lavori successivi. Questo corto ci ha fatto vincere anche qualche piccolo premio”.

Quasi paperino

“Nel 2005 – prosegue il cineasta fiorentino – realizzo (accidenti a me!) il mio primo (e ho rischiato che rimanesse l’ultimo) lungometraggio, ‘Mani molto pulite’, commedia realizzata con poco più di mille euro e distribuita da Cecchi Gori Home Video. Primo film e primo flop. Io lo definisco il mio peggior lavoro. Fosse rimasto in un cassetto, nessun problema. Il fatto è che questo film è stato il mio primo lavoro distribuito e non da una distribuzione qualunque, bensì, appunto, la Cecchi Gori Home Video. Certo, se un’etichetta così importante ha creduto in me, vuol dire che qualcosa di buono avevano visto, ma io non posso accettare lo stesso un mio simile passo falso. In mia difesa ho tante scusanti: un lungometraggio girato con poco più di mille euro, la maggior parte degli attori non erano attori, inizialmente doveva essere un corto ma poi, una volta saputo dell’interessamento della Cecchi Gori, lo trasformai in pochi giorni in un lungometraggio… potrei stare qui ore ad elencare giustificazioni, ma quello che penso io è che, quando uno spettatore decide di spendere dei soldi per vedere un film (al cinema, in dvd, in streaming) ha, giustamente, la stessa aspettativa di un qualsiasi altro film di serie A. Però ‘Mani molto pulite’ ha segnato anche una svolta nella mia carriera: da quell’esperienza ho capito tutto quello che avevo sbagliato e tutto quello che avrei dovuto fare, l’impegno che avrei dovuto mettere nei lavori successivi e il sudore che serve per realizzare un buon prodotto. A volte, la sola passione non basta”.

Tre anni dopo, Coppini, sempre con Cecchi Gori Home Video, realizza “Benvenuti in amore”, seconda opera indipendente (soli 30 mila euro di budget).

Dio è in pausa pranzo: Michele Coppini, Alessio Venturini e Miss Italia 2016 Rachele Risaliti

“Finalmente il primo vero tassello positivo – commenta il regista -. ‘Benvenuti in amore’ mi ha dato talmente tante soddisfazioni che mi ha ripagato anche delle delusioni del precedente. Mi ha dato modo di farmi conoscere anche fuori dalla Toscana, distribuito da Cecchi Gori Home Video, di avere cioè una vetrina nazionale di tutto rispetto. È presente anche su Amazon Prime Video. Racconta di storie di coppie nevrotiche, ma non scoppiate, anzi! Questo film mi permise anche di ripulirmi l’immagine dopo l’obbrobrio che avevo realizzato precedentemente… (però, se offendo così tanto il mio primo film, rischio che alcune persone, tipo gli amanti del trash o i feticisti di ‘troiai’ cinematografici, si appassionino alla causa e vogliano cercarlo online per vederlo con i loro occhi… allora basta, glisserò come se nulla fosse questo argomento…)”.

“Il 2012 è l’anno di ‘Paranormal Precarity’ – prosegue Coppini , la prima trasmissione ironica sul precariato giovanile in Italia, da me condotta, diretta e scritta (insieme a Massimiliano Manna, Paola Barile e Serena Tozzi). Nel 2013, con lo stesso gruppo di lavoro, costituisco l’Aps Officine Papavero (link), con la quale produciamo, l’anno seguente, il docufilm ‘Zero bagget’, un lungometraggio sperimentale (‘sperimentale’ faceva più figo di ‘spiantato’), girato interamente con un cellulare Samsung Galaxy S5 (ecco perché spiantato…) e che vede la partecipazione straordinaria di Paolo Ruffini e Shel Shapiro. È un’indagine semiseria sul cinema italiano, un docu che mi ha sorpreso per come è stato accolto positivamente dal pubblico. È  distribuito da Nuova Alfabat in home video e da CG Entertainment su Amazon Prime Video”.

Zero Bagget

A tutto questo segue un’altra piccola grande svolta nella curiosa ed eterogenea produzione videocinematografica di questo autore tutto da scoprire. “A Natale 2015 – continua nel suo racconto – esce sui siti internet del ‘Corriere dello Sport’ e di ‘Tuttosport’ la webserie comica ‘Calcio all’italiana’, una parodia sui tifosi e il mondo del calcio da me diretta e interpretata e scritta con la collaborazione di Massimiliano Manna. Un ulteriore passo per me: con questa serie, ho avuto finalmente una vetrina nazionale di tutto rispetto. Avrei voluto darle anche un seguito, ma poi io e Manna abbiamo virato su altri progetti”.

Con il 2016 arriva “Ora non ricordo il nome”, docufilm commedia dedicato ai caratteristi del cinema italiano, figure indispensabili, quegli attori di cui tutto il pubblico conosce il volto e la bravura, ma dei quali troppo spesso, appunto, non si ricorda il nome: “Questo film – spiega Coppini – è stato un vero e proprio omaggio ad attori come Carlo Monni, la sora Lella, Tiberio Murgia, Tina Pica. Un ruolo, quello del caratterista, che, purtroppo, sta scomparendo sempre più. Oltre a me e al comico Stefano Martinelli, il film vede l’amichevole partecipazione di importanti attori nazionali, come Paola Tiziana Cruciani, Stefano Ambrogi, Camillo Milli, Franco Pistoni, Isa Gallinelli, Sandro Ghiani, e del giornalista Marco ‘Stracult’ Giusti. ‘Ora non ricordo il nome’ è distribuito da CG Entertainment in home video e Amazon Prime Video”.

E veniamo al 2018, anno in cui il regista, con la commedia “Ossitocina”, sul rapporto uomo-cane, torna al cortometraggio. “In un anno in cui ero abbastanza libero da progetti – racconta -, ho voluto realizzare nuovamente un corto, così per divertimento, più che altro per girarne finalmente uno fatto bene, non amatoriale come facevo nei miei primi lavori. È venuto fuori un bel film di 30 minuti, che ha emozionato molto il pubblico nelle tante proiezioni a cui ho partecipato. Ho voluto raccontare il bellissimo rapporto che si può instaurare fra una persona e un animale. In questa pellicola, il piccolo amico a quattro zampe è ‘interpretato’ da Eastwood, il mio vero cagnolino. Non è assolutamente addestrato, anzi a volte non risponde neanche al suo nome, ma nonostante questo, in scena, è stato favoloso. Diciamo che, fra i due, l’attore cane ero io. Probabilmente questo è il mio film più serio, però non mancano situazioni divertenti”.

I perditempo

Tra il 2018 e il 2019, Coppini conduce due trasmissioni semiserie (‘Figli delle stelle’ e ‘Come un pesce fuor d’acqua’), prodotte e andate in onda sull’emittente toscana Rtv38. Dal 2019 inizia a realizzare videonews per il sito del quotidiano fiorentino ‘La Nazione’, sempre mantenendo il suo spirito leggero e ironico (“anche perché, confessa, se facessi il serio, sarei molto più comico, involontario ma comico”). Per LaNazione.it ha curato le videorubriche ‘Selfie per Montella’ e ‘#StorieSenzaHashtag’.

E veniamo all’ultima (per ora) e grande soddisfazione, il lungometraggio in uscita prossimamente: “Nel periodo peggiore del mondo, sia da un punto di vista economico che sanitario – spiega Coppini -, sono riuscito a trovare l’occasione di girare il mio nuovo film, dal titolo ‘Dio è in pausa pranzo’: prodotto da me e Massimiliano Manna per ‘Officine Papavero’, racconta il periodo pandemico dal punto di vista di un quarantenne debole, credulone e davvero parecchio folle. Navigando su internet, si fa influenzare molto dai tanti complottisti che creano e divulgano teorie grottesche, tra cui quella in cui gli americani avrebbero rilasciato nell’aria un gas che ci trasformerebbe tutti in zombie. I sintomi del Covid-19 sarebbero solo il primo passo verso la mutazione in morti viventi. Quindi ti immagini quante situazioni comiche? Ho scritto la sceneggiatura in un mese non perché sia uno veloce a scrivere, bensì perché mi è bastato osservare la realtà, fare ricerche su internet e scoprire che ci sono persone che davvero dicono queste cose. Anche il direttore di Radio Maria si lasciò scappare in diretta: ‘Il Covid è un progetto criminale delle élite mondiali per eliminare chi non ci sta e ridurci a zombie’. Quindi, a questo punto, mi faccio una domanda: ma che serviamo ancora noi sceneggiatori, se nella realtà, la gente, ti regala trame e battute da Oscar in questo modo…?”

Dio è in pausa pranzo: Coppini e Athina Cenci

Come definiresti questo tuo ultimo film?

“Lo definisco un film ‘drammenziale’ perché si riderà molto (per situazioni demenziali come certe teorie) ma si rifletterà anche tanto, rischiando di far scendere anche una lacrimuccia… Sono contentissimo di quest’opera. Ho avuto la fortuna di lavorare con attori bravissimi come Alessio Venturini, Sergio Forconi, Francesca Cellini, Aldo Pellegrini, Patrizia Ferretti, ma, soprattutto, Athina Cenci!!! La Cenci è uno dei miei miti di quando ero un ragazzino che girava i primi corti con gli amici. Diciamo che con lei chiudo un cerchio: termino il periodo da ‘giovane regista’ e divento un autore maturo, un attore comico che ha realizzato il sogno di lavorare con la comica italiana più d’avanguardia degli anni ’80. Quando ho pensato a lei per il ruolo del fantomatico Ministro Carruezzo, mi sono detto ‘non accetterà mai. Michele lascia perdere, ma secondo te un’attrice come Athina, vincitrice del David di Donatello, accetta di recitare nel tuo film? Ma poi in questo periodo pandemico? Via, lascia perdere…’. E invece non solo ha accettato, ma lo ha fatto con entusiasmo e si è messa a disposizione del film al cento per cento. Una forza della natura. Ormai posso dire che Athina si è messa alle spalle il problema di salute che l’ha tenuta fermata per un lungo periodo. Attrici italiane state attente, è tornata una delle più forti in assoluto!”.