Cover: from Godano’s social media – a selfie of the director; other pictures in the article: shots from his films, rights belong to their respective owners.
— ITALIAN VERSION BELOW —

Simone Godano surely is one of the most interesting figures of Italian comedy of the third millennium. Roman, born in 1977, the director and screenwriter is known to the general audience for three full-length films, all of them available on the main online streaming platforms.

His debut happens in 2017 with ‘Moglie e marito‘, portrayed by Pierfrancesco Favino, Kasia Smutniak and Valerio Aprea (all very good), a pleasant comedy with a sci-fi base, which tells the couple’s relationship through – in the literal sense! – overturning of minds and roles.

From 2019 is ‘Croce e delizia‘ with Alessandro Gassmann, Jasmine Trinca, Fabrizio Bentivoglio and Filippo Scicchitano. A graceful and smooth film, which calls to listening to the other, searching and finding in everyday stories the crevices and glimmers through which giving up on prejudices, useless by definition.

Croce e delizia

Lastly, ‘Marilyn ha gli occhi neri‘, from 2021, a work which talks about love, meetings, clashes, perspectives: different perspectives, diverging and converging towards a objective of quality and artistic maturity. Very talented the lead actors, Stefano Accorsi and Miriam Leone, two existences a bit over the top and a bit between the lines.

But Godano’s first time happened, in fact, in the field of short film. The work is titled ‘Niente orchidee‘ and dates back to 2010.

“’Niente orchidee‘ is a short film a care very much about – tells the director – because it was a turning point: that’s when I started moving my first steps in the film industry. Written by Sydney Sibilla and Valerio Attanasio, selected in Venice, is a structured short film, with Beppe Fiorello and Valeria Solarino. After shooting it, I started writing the screenplay for a film which unfortunately was never realized, produced by Marco Belardi and then passed to Fabrizio Donvito’s Indiana Productions. In other words, I started to really understand how the things work. Then Matteo Rovere’s phone call with the proposal to read ‘Moglie e marito‘ arrived, and from there was born my relationship with Groenlandia, continued with ‘Croce e delizia‘ and ‘Marilyn ha gli occhi neri‘. And I hope it will go on for a long time”.

Moglie e marito

Before this official debut in short film, did you shot more?

“Yes, I shot many short films between the end of the 90s and the early 2000s. That was the era of the first digital, so now we can tell that it’s ‘easier’ having a good quality in shooting. Before that, it was a little more complex: we started from the most ‘home made’ short films until we shot a couple more consistent, one produced by Filmartex, titled ‘L’autostop‘ with Claudia Pandolfi, and another one, ‘Il 2 novembre‘ with Silvio Muccino and Martina Stella. Short films always gave me either the narrative idea or the possibility, also thanks to the encounters, to start working on the following film. After ‘Il 2 novembre‘, we started writing the screenplay of ‘Barcellona‘ and after ‘L’autostop‘ the one of a film titled ‘I tre fratelli‘. These are works that have never been shot, like ‘Caffè nero bollente‘ after ‘Orchidee nere‘. Basically, the path has been long, but it was worth it.”

How important was working on short films and from short films in your directorial learning, and so in reaching success with your feature films?

“The journey can be divided in two parts. An artistic part, with the research of ideas and of a story that, essentially, gets you noticed: the short film is a business card for producers. But it is also really important to learn how a film set and all the whole thing really work – because then, when you are a director, that’s what you have to do: I had 65 people in my troupe for ‘Marilyn ha gli occhi neri‘! And managing a crew is an amazing experience, and one can have it inside himself. But gaining experience with short films, where you engage friends too, is something that surely trains you and it really, really useful.”

A particular form of short film is the advertisement. Do you shoot some?

“Yes, advertisement is a form of short film in which – and here lies the difference – you are not free: you have an agency, a customer, and you are the executor for them, and for them you must make the most of it. In short film, on the other hand, you follow more your ideas and inspiration, while in advertisement you are an eye which must tell a story though by others. Furthermore, there is a product to highlight. Advertising is a very complicated work, yet fascinating: you have but a few seconds for your storytelling and this is the most complex and stimulating thing of all.”

Marilyn ha gli occhi neri

What do you thing of the great international creativity around the short film genre, of the proliferation of festivals and the enormous film production?

“Short film is for sure necessary because, especially at this time when with little money you can produce works of great quality, it’s energy: seeing, as you hinted, the proliferation of festivals and the amount of short films that are produced demonstrates that there’s the desire to do this job. Now that there are the platforms, it is an industry that should be favored by streaming the shorts online. You have to show everyone the work made by many. Clearly, short films are that many that you cannot make generalizations, but channeling short films on platforms too would be a very interesting thing: they won’t be a niche product anymore, rather a product for everybody.”

Future projects?

“I’m writing my next film, again with Groenlandia. We are very happy: we are completing the second draft. I’m crossing my fingers and hoping to have another wonderful story to tell. A greeting to all of you and see you soon!”.

— ITALIAN VERSION —

Simone Godano è sicuramente uno degli esponenti più interessanti della commedia italiana del terzo millennio. Romano, classe 1977, il regista e sceneggiatore è noto al grande pubblico per tre lungometraggi, tutti disponibili sulle principali piattaforme online.

L’esordio avviene nel 2017, con ‘Moglie e marito‘, con Pierfrancesco Favino, Kasia Smutniak e Valerio Aprea (bravissimi tutti), una gradevole commedia a base fantascientifica che racconta il rapporto di coppia attraverso il ribaltamento – in senso letterale! – delle menti e dei ruoli.

Del 2019 è ‘Croce e delizia’, con Alessandro Gassmann, Jasmine Trinca, Fabrizio Bentivoglio e Filippo Scicchitano. Un film garbato e scorrevole, che invita all’ascolto dell’altro, cercando e trovando nelle storie di tutti i giorni i pertugi e gli spiragli attraverso i quali rinunciare ai pregiudizi, inutili per antonomasia.

Infine, ‘Marilyn ha gli occhi neri‘, del 2021, un’opera che parla di amore, di incontri, di scontri, di prospettive: prospettive diverse, divergenti e convergenti verso un obiettivo di qualità e maturità artistica. Bravi i due protagonisti Stefano Accorsi e Miriam Leone, due esistenze un po’ sopra le righe e un po’ fra le righe.

La prima volta di Godano è però nell’àmbito del cortometraggio. Il film si intitola ‘Niente orchidee‘ e risale al 2010.

“’Niente orchidee‘ è un corto a cui tengo moltissimo – racconta il regista – perché è stato un punto di svolta: è allora che ho cominciato a muovere i primi passi nell’industria cinematografica. Scritto da Sydney Sibilia e Valerio Attanasio e selezionato a Venezia, è un corto strutturato, con Beppe Fiorello e Valeria Solarino. Dopo averlo girato, ho iniziato a scrivere la sceneggiatura di un film che purtroppo non è mai stato realizzato, prodotto da Marco Belardi e poi passato a Indiana Productions di Fabrizio Donvito. Insomma, ho cominciato a capire realmente come funzionassero le cose. Poi è arrivata la telefonata di Matteo Rovere e la proposta di leggere ‘Moglie e marito‘ e da lì è nato il mio rapporto con Groenlandia, proseguito con ‘Croce e delizia‘ e ‘Marilyn ha gli occhi neri‘. E spero che continui ancora a lungo!”.

Prima di questo esordio ufficiale nel cortometraggio ne hai realizzati altri?

“Sì, ho girato molti corti, fra la fine degli anni ’90 e gli inizi del 2000. Era l’epoca del primo digitale, per cui adesso diciamo che è più ‘semplice’ avere una buona qualità in quello che si gira. Prima era un po’ più articolato: siamo partiti dai corti più ‘casalinghi’ fino a due corti un po’ più robusti, uno prodotto da Filmartex, intitolato ‘L’autostop‘, con Claudia Pandolfi, e prima un altro corto ‘Il 2 novembre‘, con Silvio Muccino e Martina Stella. I corti mi hanno sempre dato o lo spunto narrativo o la possibilità, anche in base agli incontri, di iniziare a lavorare al film successivo. Dopo ‘Il 2 novembre‘, abbiamo cominciato a scrivere la sceneggiatura di ‘Barcellona‘ e dopo ‘L’autostop‘ quella di un film intitolato ‘I tre fratelli‘. Opere che non sono mai state girate, come ‘Caffè nero bollente‘ dopo ‘Niente orchidee‘. Insomma, il cammino è stato lungo, però ne è valsa la pena”.

Quanto è stato importante il lavoro sui corti e dai corti nella tua formazione registica e quindi nel raggiungimento del successo con i tuoi lungometraggi?

“Il percorso si può dividere in due parti. Una parte artistica, con la ricerca delle idee e di una storia che fondamentalmente ti possa far notare, perché il corto è un biglietto da visita per i produttori. Però è anche molto importante per imparare come funziona realmente un set e tutta la macchina, perché poi, da regista, è quello che devi fare: avevo 65 persone di troupe per ‘Marilyn ha gli occhi neri‘! Gestire una troupe è un’esperienza stupenda, uno ce la può avere anche dentro. Ma farsi le ossa con i cortometraggi, dove coinvolgi anche gli amici, è qualcosa che sicuramente forma ed è molto, molto utile”.

Una forma particolare di cortometraggio è la pubblicità. Tu ne fai?

“Sì, la pubblicità è una forma di cortometraggio all’interno della quale – qui sta la differenza – non sei libero: c’è un’agenzia, c’è un cliente, e tu sei un esecutore per loro e per loro devi ottenere il massimo. Nel cortometraggio, invece, segui di più le tue idee e la tua ispirazione, mentre, nella pubblicità, sei un occhio che deve riuscire a raccontare una storia pensata da altri. In più, c’è un prodotto da mettere in luce. La pubblicità è un lavoro molto complicato, ma affascinante: hai pochi secondi per la tua narrazione e questa è la cosa più complessa e stimolante di tutte”.

Cosa pensi della grande creatività internazionale intorno al genere cortometraggio, del proliferare dei festival e dell’enorme produzione di film?

“Il cortometraggio è sicuramente una cosa necessaria, perché, soprattutto in questo momento, dove con pochi soldi è possibile realizzare prodotti di grande qualità, è energia: vedere, come dici tu, proliferare i festival e la quantità di corti che si producono dimostra che c’è voglia di fare questo lavoro. Adesso che ci sono le piattaforme, è un mercato che dovrebbe essere favorito, mettendo in streaming i corti. Bisogna far vedere a tutti il lavoro fatto da molti. Chiaramente, i corti sono talmente tanti che non si può generalizzare, però incanalare nelle piattaforme anche i cortometraggi sarebbe una cosa interessantissima: non sarebbero più un prodotto di nicchia, ma un prodotto per tutti”.

Progetti futuri?

“Sto scrivendo il mio prossimo film, sempre con Groenlandia. Siamo molto contenti: stiamo ultimando la seconda stesura. Incrocio le dita e spero di avere un’altra bella storia da raccontare. Un saluto a tutti e a presto!”.