— ITALIAN VERSION BELOW —

Adamo Antonacci is a director, writer, and poet from Florence, versatile and multitasking. He was born in the world of short films and recently directed the documentary ‘I mille cancelli di Filippo‘, on autism; documentary which will be projected the next July 14th in Rimini, in the context of the festival ‘Cartoon Club‘ (see the news at this link). After all, Antonacci has always been committed with disability in relation to art, having also conceived the beautiful photographic exhibition ‘Divine Creature‘. He also realized the full-length film ‘Ridere fino a volare‘ and some documentaries which were selected in several festivals.

‘Adorazione del bambino’

But let’s directly talk about this with him, starting of course with his early days with short films…

“As everyone, I also started moving the first steps in the world of cinema through short films – explains Antonacci –, although at that time it was more expensive and complex than it is today. But, in the beginning, it was only as an actor, and then as screenwriter and director. I have a beautiful memory of a short film that I realized in 1995 with Alessandro Riccio for the centenary of cinema. Its title was ‘Cinematosniff‘ and it told the story of a cinephile which ‘sniffed’ on a piece of film and, in ecstasy, himself relived some cult scenes from the history of cinema. It won a lot of awards. When I won the prize as best actor, Sergio Staino, who was the president of the Jury, asked me to perform as Anita Ekberg in the famous scene from Fellini’s ‘Dolce Vita‘: ‘Marcello, come here!’. That was a magical and very fun moment. Then, in 1998 I realized another short film inside an institute for young people with several problems. The title was ‘Anima Larga‘ and it told the story of an obese woman which were mocked by a group of bullies. This short also had excellent feedback, so much that it was projected in some cinemas in Florence. It also won the Oscarino D’Oro, that was given to me by Maria Grazia Cucinotta… And the last short film I remember with pleasure, if it was not so successful, was titled ‘Cristo Borghese‘. It told the story of a career-high middle-class couple that wanted to give birth to the new Messiah, but then decided to have an abortion to continue their climb to success… The theme was strong and provocatory. Only Bruno Bozzetto had the guts to give it an award!”.

In general, how important short films are?

“Short films are like a real and true gym. And I’ll say more. To me, one should never stop writing and shooting small films, because they keep the mind in training. Especially, being able to send a message or tell a story in a short amount of time is a very complicated art. The means are also often poor, and this helps to optimize with the little you have. And there is no better way than to have a little, to find your own style. In fact, Alfred Hitchcock used to say that you have to make a style out of technical limitations. And if he said that, we can completely believe him”.

Ridere fino a volare movie poster

Tell us something about your documentaries.

“The first documentary I realized was titled ‘De Redito Suo‘, in which the poet Alessandro Fo retraced Claudio Rutilio Namaziano’s journey between Rome and Liguria. It was 2004 and the ordered was the Toscana Region. After that, I was contacted by the Istituto degli Innocenti in Florence to realize two documentaries about the relationship which ties our Country to Brazil. Italy is, in fact, the nation in which most of the Brazilian children in the world are adopted. I remember that these works were projected at the Senato and then inserted as DVDs in two publications which dealt with the theme of international adoptions”.

Ridere fino a volare’ is your first full-length film…

“When I came back from Brazil, I started writing a screenplay which then would become the film titled ‘Ridere fino a volare‘. I’m not proud of it despite the presence of superstars Carlo Monni, Novello Novelli e Sergio Forconi. It had quite public success, in al likelihood because of the names in the movie. Unfortunately, I have always felt dissatisfaction with this work which, however, has some good moments here and there”.

In your path there is also a very important exhibition, with a very evocative name.

“In 2016, I had the possibility to realize a photographic exhibition designed and directed by me, titled ‘Divine Creature‘. With the photographer Leonardo Baldini I reconstructed (reinvented) ten works of sacred art, portrayed by young people with disabilities. The exhibition was hosted at Museo dell’Opera del Duomo di Firenze, at Musei Vaticani and at Sale Affrescate of Comune di Pistoia. Unluckily, with the arrival of Covid, the exhibition could not be set up, but I hope that soon it will be able to be held in some other places”.

I mille cancelli di Filippo movie poster

Now tell us about this last documentary, ‘I mille cancelli di Filippo‘, in program on July 14th at Cartoon Club in Rimini.

“In 2020, the friend and producer Alessandro Salaorni asked me to realize a documentary focused on the relationship linking an autistic boy and his father. In short, Enrico, the father, wrote stories and the son Filippo illustrated them. The idea seemed interesting, but when I met Pippo I was fascinated by his passion for doors and gates. So, I felt that the most interesting aspect was precisely this, because it allowed me to get inside the mind of a boy with autism by starting from a fundamental interest of his. So, we started to follow all of Pippo’s activities: the drawing, the lists of doors and gates, the videocalls with his sister Irene (at that time she was in Hamburg, now I heard she’s in Chicago), his therapy appointments, the exhibitions of his paintings. Slowly we collected dozens of hours of footage, very interesting and meaningful. I spent the full summer of 2021 selecting everything for then editing with Salaorni. Even if I didn’t manage to return all of the “Pippo Universe”, because too complex, I believe that anyway came out a work able to help people know autism”.

Filippo and Porta Romana

Future projects?

“My mind is full of dreams that I hope I will be able to realize. For instance, I would like to shoot a documentary based on the relationship between Italian cinema and disability. It should be titled ‘Lanormalità non esiste‘. It would be a very useful work to deepen the theme of disability in art and to understand how the sensibility on certain themes changes and is developed in non-completely linear way”.

— ITALIAN VERSION —

Adamo Antonacci è un regista, scrittore e poeta fiorentino, versatile e multitasking. Nasce nel mondo del cortometraggio e recentemente ha diretto il documentario ‘I mille cancelli di Filippo’, sull’autismo, che sarà proiettato il prossimo 14 luglio a Rimini, nell’àmbito dell’edizione 2022 del ‘Cartoon Club’ (link alla notizia). Del resto, Antonacci è da sempre impegnato con la disabilità in relazione all’arte, avendo anche ideato la bellissima mostra fotografica ‘Divine Creature’. Ha inoltre realizzato il lungometraggio “Ridere fino a volare” e alcuni documentari selezionati in numerosi festival.

Ma ne parliamo con lui, partendo ovviamente dai suoi esordi con i cortometraggi…

“Come tutti, anch’io ho iniziato a muovere i primi passi nel mondo del cinema attraverso i cortometraggi – spiega Antonacci –, sebbene all’epoca fosse molto più dispendioso e complesso di oggi. All’inizio però solo come attore, poi come sceneggiatore e regista. Ho un ricordo bellissimo di un cortometraggio che realizzai nel 1995 insieme ad Alessandro Riccio per i cento anni del cinema. Si intitolava ‘Cinematosniff’ e raccontava la storia di un cinefilo che ‘sniffava’ su un pezzo di pellicola e in preda all’estasi riviveva lui stesso alcune scene cult della storia del cinema. Vinse tantissimi premi. Quando vinsi il premio come miglior attore, Sergio Staino, che era il presidente di giuria, mi chiese di interpretare Anita Ekberg nella famosa scena della ‘Dolce Vita’ di Fellini: ‘Marcello, come here!’. Fu un momento magico e divertentissimo. Poi nel 1998 realizzai un altro cortometraggio all’interno di un istituto per ragazzi con varie problematiche. Si intitolava ‘Anima Larga’ e raccontava la storia di una donna obesa che veniva presa in giro da un gruppo di bulli. Anche questo corto ebbe un ottimo riscontro tanto da essere proiettato in alcuni cinema fiorentini. Vinse anche l’Oscarino D’Oro che mi fu consegnato da Maria Grazia Cucinotta… L’ultimo cortometraggio che ricordo con piacere, nonostante non abbia riscosso tanto successo, si intitolava ‘Cristo Borghese’. Raccontava la storia di una coppia borghese in carriera che doveva dare alla luce il nuovo Messia, ma che poi decideva di abortire per poter continuare la scalata al successo… Il tema era forte e provocatorio. Solo Bruno Bozzetto ebbe il coraggio di premiarlo!”.

In generale, quanto sono importanti i cortometraggi?

“I cortometraggi sono una vera e propria palestra. Dirò di più. Secondo me non bisognerebbe mai smettere di scrivere e girare piccoli film, perché tengono la mente in allenamento. Sembrano facili da realizzare ma non è così: la sintesi è sempre difficile da ottenere. Soprattutto riuscire a lanciare un messaggio o a raccontare una storia in poco tempo è un’arte complicatissima. Anche i mezzi sono spesso poveri e questo aiuta a ottimizzare con il poco che si ha. E non c’è modo migliore che avere poco per trovare un proprio stile. Alfred Hitchcock, infatti, diceva che dei limiti tecnici bisogna farne uno stile. E se lo diceva lui, possiamo credergli nel modo più assoluto”.

Dicci qualcosa dei tuoi documentari.

“Il primo documentario che ho realizzato si intitolava ‘De Redito Suo’, in cui il poeta Alessandro Fo ripercorreva il viaggio di Claudio Rutilio Namaziano tra Roma e la Liguria. Era il 2004 e il committente la Regione Toscana. Dopo di che fui contattato dall’Istituto degli Innocenti di Firenze per realizzare due documentari inerenti il rapporto che lega il nostro Paese al Brasile. L’Italia infatti è la nazione che adotta più bambini brasiliani al mondo. Ricordo che i lavori vennero proiettati al Senato per poi essere inseriti come dvd in due pubblicazioni che trattavano il tema delle adozioni internazionali”.

Ridere fino a volare’ è il tuo primo lungometraggio…

“Tornato dal Brasile, iniziai a scrivere una sceneggiatura che poi sarebbe diventata la pellicola intitolata ‘Ridere fino a volare’. Non ne vado molto fiero nonostante la presenza di mostri sacri come Carlo Monni, Novello Novelli e Sergio Forconi. Ebbe anche un certo successo di pubblico, con ogni probabilità dovuto ai nomi presenti nella pellicola. Purtroppo però ho sempre provato un certo malcontento nei confronti di quest’opera che, comunque, ha qualche momento buono qua e là”.

Nel tuo percorso c’è anche una mostra molto importante, con un nome assai evocativo.

“Nel 2016, ho avuto la possibilità di realizzare una mostra fotografica da me ideata e diretta, dal titolo ‘Divine Creature’. Insieme al fotografo Leonardo Baldini ho ricostruito (reinventato) dieci opere d’arte sacra interpretate da ragazzi diversamente abili. La mostra è stata ospitata al Museo dell’Opera del Duomo di Firenze, ai Musei Vaticani e presso le Sale Affrescate del Comune di Pistoia. Purtroppo, con il Covid la mostra non ha più potuto essere allestita, ma spero che presto possa essere ospitata in qualche luogo”.

Parlaci ora di questo ultimo documentario, ‘I mille cancelli di Filippo’, in programmazione il 14 luglio al Cartoon Club di Rimini.

“Nel 2020, l’amico e produttore Alessandro Salaorni mi ha chiesto di realizzare un documentario incentrato sul rapporto che univa un ragazzo autistico al padre. In sintesi, il padre Enrico scriveva storie e il figlio Filippo le illustrava. L’idea mi sembrò interessante, ma quando ho conosciuto Pippo sono rimasto affascinato dalla sua passione per porte e cancelli. Così ho ritenuto che l’aspetto più interessante fosse proprio questo, perché mi permetteva di entrare nella mente di un ragazzo con autismo partendo da un suo interesse fondamentale. Così abbiamo iniziato a seguire tutte le attività di Pippo: il disegno, gli elenchi di porte e cancelli, le videochiamate con la sorella Irene (in quel periodo lei si trovava ad Amburgo, ora so che è a Chicago), le sedute dallo psicologo, le mostre dei suoi quadri. Piano piano abbiamo raccolto decine di ore di girato interessantissime e ricche di significato. L’estate del 2021 l’ho trascorsa selezionando il tutto per poi montarlo assieme a Salaorni. Anche se non sono riuscito a restituire tutto “l’universo Pippo”, perché troppo complesso, credo comunque sia venuto fuori un lavoro capace di aiutare le persone a conoscere l’autismo”.

Progetti futuri?

“Ho la mente carica di sogni che mi auguro di riuscire a realizzare. Ad esempio, vorrei girare un documentario incentrato sul rapporto che lega il cinema italiano con la disabilità. Si dovrebbe intitolare ‘Lanormalità non esiste’. Sarebbe un lavoro utilissimo per approfondire il tema della disabilità nell’arte e per comprendere come la sensibilità rispetto a certi temi cambi e si sviluppi in modo non del tutto lineare”.